Caro orco 

 

con Maurizio Bercini
di Manuela Capece e Davide Doro
collaborazione artistica Marina Allegri
un progetto di Cà Luogo d’Arte/ Compagnia Rodisio

fascia d’età +3
tecnica teatro d’attore e oggetti 

L’orco è necessario. Dobbiamo avere il coraggio di ammetterlo.
L’orco è come la notte, che è bellissima, il problema è che fa paura.
Ma anche la paura è necessaria.
L’orco si farà desiderare, ti racconterà di tutte le meraviglie di un mondo fantastico.
E il mondo, l’orco, lo tiene in mano. È più che piccolo, è un microcosmo. L’orco muove le stelle e la luna e quindi anche il mare.
L’orco ti farà battere il cuore.
Ma devi andargli vicino, molto vicino, tanto da prendergli la mano.
L’orco è una storia a lieto fine. L’orco esiste quando un padre non fa bene il proprio dovere, il proprio lavoro di padre.
L’orco mangia i bambini, davvero.
Se un bambino è sfortunato, lui se lo mangia.
Se un bambino è un po’ lento, lui se lo mangia.Il nostro Orco è il guardiano di un mondo meraviglioso.
È il maestro traghettatore da qui a là, per diventare grandi.
È l’orco di tutte le storie, che serve per imparare la distanza tra bene e male.L’orco non muore mai, ma deve sempre essere sconfitto.
Oltre l’orco c’è la libertà.
Il bambino allievo guarda il padre maestro.
E c’è timore, meraviglia, ambizione e gratitudine.
È un padre buono.Mi dice, preparati pulisciti e dubita.
 
Ingresso posto unico 5 €, gratuito fino a 4 anni.
Prenotazioni biglietteria@corteospital.org

 

 














20/03/2022
Caro orco
Teatro delle briciole
Teatro Herberia
Rubiera