LA CORTE OSPITALE
produzione, promozione, formazione, ricerca per il teatro

 

La Corte Ospitale è uno spazio aperto e abitato che vuole essere un generatore di processi creativi e culturali, sia per gli artisti che produce e ospita in residenza, sia per il territorio che la circonda.


Per gli artisti siamo un luogo protetto, una casa-fucina creativa e libera in cui creare, sperimentare e scambiare. Con un’attenzione specifica alla drammaturgia contemporanea e ai nuovi linguaggi della scena, siamo punto di riferimento per le giovani compagnie di cui accompagniamo e sosteniamo i processi creativi, nell’ottica di scoprire nuovi talenti e favorire il ricambio generazionale.


Per la comunità vogliamo essere un luogo aperto, contemporaneamente protetto e sfidante, dove aggregarsi, riconoscersi e confrontarsi.


Crediamo che l’intreccio tra artisti e territorio possa essere nutriente per entrambi, in un’ottica di incontro e scambio reciproco.

 


 

La Corte Ospitale è un’impresa di produzione teatrale attenta alla drammaturgia contemporanea e ai nuovi linguaggi della scena e Centro di Residenza dell’Emilia-Romagna.

Il centro ha sede a Rubiera, in provincia di Reggio Emilia, all’interno di un complesso monumentale del XVI secolo adibito nel 2000 a polo culturale a seguito di un attento restauro.
All’interno della Corte Ospitale, un tempo luogo di cure e ristoro per i pellegrini in viaggio verso Roma, si trovano quattro sale prova, una foresteria con circa settanta posti letto e una cucina attrezzata. La Corte Ospitale si configura quindi quale luogo ideale per la produzione e la residenza teatrale, grazie anche allo scambio e al dialogo che si crea tra gli artisti in residenza.

La Corte Ospitale è un’impresa di produzione teatrale riconosciuta dal Ministero della Cultura (art. 13 comma 3 -impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione- DM 27 luglio 2017) e dalla Regione Emilia-Romagna (LR 13/99 attività di produzione e distribuzione). Gli artisti prodotti e distribuiti dalla Corte Ospitale sono Giuliana Musso, Danio Manfredini, Oscar De Summa, a cui si aggiungono di anno in anno nuove collaborazioni, tra cui, le più recenti sono con Leonardo Lidi, Babilonia Teatro, Compagnia Oyes. Grazie a queste collaborazioni, il centro prosegue nella direzione della sperimentazione dei nuovi linguaggi, per l’innovazione della scena teatrale contemporanea.

Il progetto produttivo è affiancato da un progetto di residenze artistiche, dal 2015 finanziato dal Ministero della Cultura e dalla Regione Emilia-Romagna, anche a sostegno delle nuove istanze creative. Nell’autunno del 2018 la Corte Ospitale diventa Centro di Residenza dell’Emilia-Romagna, in raggruppamento con L’arboreto di Mondaino (art. 43 del D.M. del 17 luglio 2017).

L’insieme degli spettacoli prodotti e in residenza danno vita ad una linea progettuale che connota la direzione intrapresa dal centro nell’ottica della ricerca e della sperimentazione artistica.

Dall’autunno del 2015 la direzione è affidata a Giulia Guerra.

A luglio 2017 La Corte Ospitale ritira il Premio Nico Garrone 2017 al progetto per aver saputo dare positivo impulso alla cultura teatrale.

A dicembre 2020 riceve il premio della critica Hystrio Anct con la seguente motivazione “La Corte Ospitale di Rubiera ha saputo negli anni rinnovarsi e fare del proprio nome un’azione estetica e poetica precisa e proiettata verso il nuovo. Immersa nella Padania Felix e sotto la guida di Giulia Guerra e di uno staff di battagliere ragazze, La Corte Ospitale sa essere uno spazio che incoraggia, fa crescere, cura i giovani pellegrini del teatro, li forma al viaggio, li incoraggia e crea occasioni perché lì gli artisti trovino casa, nel segno di un’ospitalità d’altri tempi. Spazio di creatività e spazio di progettualità che guardano al teatro in tutte le sue sfaccettature: La Corte Ospitale è questo, un luogo aperto che sa generare intelligenza e bellezza, nonché costruire futuro. All’apertura delle prospettive d’azione si sposa la riservatezza, la chiusura propria di una corte che non vuol dire ignorare ciò che accade fuori, ma tutelare ciò che si è deciso di far crescere e sostenere al suo interno.”

La Corte Ospitale ha in gestione il Teatro Herberia di Rubiera, dove programma una stagione di prosa una rassegna di teatro ragazzi. Programma inoltre nel Chiostro della Corte Ospitale una rassegna estiva dal titolo L’Emilia e una notte.

La Corte Ospitale è un’associazione senza scopo di lucro, i cui soci sono il Comune di Rubiera, la Provincia di Reggio Emilia e Romagna Musica