GIULIANA MUSSO, OSCAR DE SUMMA, BABILONIA TEATRI, CARROZZERIA ORFEO, BERARDI/CASOLARI, LEONARDO LIDI, LICIA LANERA: AL VIA LA PRIMA PARTE DELLA STAGIONE DI PROSA DEL TEATRO HERBERIA DI RUBIERA (RE).

La nuova stagione di prosa del Teatro Herberia di Rubiera, ideata e promossa da La Corte Ospitale, prende il via l’8 ottobre 2021: Giuliana Musso, Berardi/Casolari, Oscar De Summa, Carrozzeria Orfeo, Babilonia Teatri, Leonardo Lidi, Licia Lanera saranno i protagonisti della prima parte del cartellone che si concluderà il 15 dicembre 2021. Una stagione che continua a mettere al centro la comunità e gli artisti, composta da sette appuntamenti tra nuove produzioni e riallestimenti di Corte Ospitale ma anche novità e artisti cari al pubblico dell’Herberia. Nuovo è anche l’orario degli spettacoli che inizieranno alle ore 20.

Riapriamo il teatro con l’obiettivo di ricucire quel filo interrotto nei mesi appena trascorsi, partendo da una base solida: in questo periodo la relazione con la nostra comunità non si è mai persa, gli sguardi sono diventati più complici, la comprensione reciproca più forte. Ripartiamo da dove avevamo chiuso, proponendo in questa metà di stagione alcuni titoli persi nella recente chiusura, insieme ad alcune novità, prendendoci il tempo dell’autunno per ideare la seconda parte, perché sia aderente al nostro progetto complessivo, e perché guardi lontano, in termini di geografie e di visioni.
In questa prima parte di stagione vedremo le creazioni degli artisti che produciamo, tra riallestimenti e nuove produzioni: Giuliana Musso, Leonardo Lidi, Oscar De Summa e Babilonia Teatri. A questi appuntamenti si aggiungono gli spettacoli di compagnie di cui seguiamo i percorsi, i nuovi spettacoli di artisti che il nostro pubblico già conosce insieme a nuove relazioni che vogliamo condividere con la nostra comunità.
Faremo tutto ciò che possiamo immaginare perché il teatro sia luogo di pensiero ed espressione per tutti i nostri concittadini, perché possa far parte delle nostre vite – a partire anche dal nuovo orario di programmazione che proponiamo – e diventi pratica quotidiana, perché crediamo nel suo magico potere di attivatore di democrazia e libertà, terreno fertile e imprescindibile per costruire il nostro futuro.Giulia Guerra, direttrice di Corte Ospitale

 

SCOPRI TUTTA LA STAGIONE >>