PIETRE NERE

 

di Enrico Castellani e Valeria Raimondi
con la collaborazione artistica di Francesco Alberici
con Francesco Alberici, Enrico Castellani e Valeria Raimondi
e con Orlando Castellani
direzione tecnica Luca Scotton
produzione Babilonia Teatri e La Corte Ospitale
coproduzione Operaestate Festival Veneto
con il sostegno di MiC, Regione Emilia – Romagna, Fondazione Compagnia di San Paolo
in collaborazione con Rete Patric e AstiTeatro
si ringraziano Daniele Costa, Nadia Pillon, Elisa Pregnolato, Jonel Zanato, Annalisa Zegna, Stefano Masotti, Marco Pesce, Francesco Speri

 

Indagare il concetto di casa a partire da luoghi che, agli occhi dei più, case non sono.
Spostare il punto di vista.
Accogliere e adottare lo sguardo di chi questi luoghi li abita.
Case di riposo, case famiglia, carcere, strada, ospedale, dormitori, centri d’accoglienza per chi li abita sono casa.
O se casa non sono, sono il luogo in cui abitano.
Vorremmo incontrare, conoscere e parlare con le persone che abitano questi luoghi.
Vorremmo conoscere questi luoghi: abitarli, come ospiti, a nostra volta. Chiedere loro ospitalità.
Ognuno ha la sua casa.
Casa è il nostro corpo.
Sono i nostri vestiti.
È la persona amata.
È un affetto.
Una città, un quartiere.
Casa è il luogo in cui siamo cresciuti.
Casa è un oggetto, una foto, una lettera, un profilo su un social network.

 

Pietre Nere è lo spettacolo risultato dell’indagine condotta sul territorio di Asti all’interno di Casa Mondo, progetto vincitore del Bando Art Waves di Compagnia San Paolo. Per la creazione di Casa mondo invitiamo cinque artisti alla creazione di un’opera. A ciascuno di loro chiediamo di scegliere uno dei luoghi di indagine affinché sulla base della conoscenza e dell’incontro ne restituisca un’opera artistica. Daremo vita a uno spettacolo teatrale all’interno del quale i materiali ricevuti saranno voci, suoni, immagini in grado di nutrire la composizione e la riflessione.

Il nostro teatro si è spesso nutrito di linguaggi che si intersecano, si contraddicono e ci permettono di raccontare in modo articolato la realtà sfaccettata che viviamo.

Crediamo che la creazione di uno spettacolo si nutra di sguardi e linguaggi molteplici, ognuno in grado di portare una sensibilità e un umore diverso, ci possa permettere di creare uno spettacolo in grado di affrontare il racconto del concetto di casa inteso in senso ampio, largo, disteso e anticonvenzionale. La pluralità di sguardi e di linguaggi che ci assumiamo il compito di sintetizzare in una forma spettacolo avvertiamo possa dare luce a tutte le case che spesso restano nell’angolo, al buio, classificate come altro, come qualcosa che vive lontano da noi e con cui non abbiamo punti di incontro e di contatto.














24/06/2022
Pietre nere
Babilonia Teatri
Spazio Kor
Asti